svuotare1Venerdì 22 e sabato 23 Aprile, un gruppo di undici ragazzi, di cui faccio parte, ha preso parte al convegno Svuotare gli arsenali, costruire la pace, presso il Centro Studi Città della Scienza (Bagnoli, Napoli): il primo incontro di questo genere svoltosi in Italia, dal titolo già di per sé emblematico: infatti, si sono trattati temi quali il disarmo nucleare, la scienza al servizio della società per contribuire a instaurare la pace, il pericolo rappresentato dalle armi autonome e molto altro. Tra i partecipanti figuravano l’Unione Scienziati per il Disarmo, L’Università di Pisa, l’Orientale di Napoli, la Pugwash Conference, la Cooperativa Sociale Dedalus.

IMG_1843Velia- 20-24 aprile 2015 20 Aprile 2015. Alle 7:30 ,quando siamo partiti dal piazzale della scuola, eravamo pieni di energia, pronti per questa nuova avventura che ci avrebbe coinvolto ed unito ancora di più. Arrivati alle 13,30 al porto di  Agropoli, abbiamo avuto un’ accoglienza festosa, ci ha sorpreso la banda che suonava canzoni gioiose e così, insieme a 600 coloratissimi ragazzi, ci siamo lasciati trasportare dall’atmosfera  mentre si procedava alla registrazione ai laboratori del festival: Tai-Chi, Yoga, Musica, Cinema, Fotografia, Movimento Espressivo e Danza.

raep1Questo il titolo dello spettacolo teatrale messo in scena al Mancinelli di Orvieto che, il 13 aprile, ha avuto come pubblico alcuni studenti dell’orvietano, tra cui la classe 4 ST del nostro Liceo.

Una riflessione sulla sicurezza nell’ambiente di lavoro che prende spunto da due fatti di cronaca datati 2009:

foto-1Il 22 dicembre 2012, le classi 5S1, 5S2 e un gruppo delle classi 5L1-5L2 del nostro Liceo hanno partecipato alla trasmissione televisiva di RaiTre "Le Storie - Diario Italiano" di Corrado Augias, un programma che prevede l'interazione tra gli studenti e gli ospiti intervistati, scrittori che presentano i loro ultimi libri.

Subcategories

Quest'anno Ulisse è un nostro studente "onorario": promosso in 2S3, è passato all'istruzione parentale per vivere questa magnifica esperienza. È però rimasto collegato con i compagni e con gli insegnanti: possiamo immaginarlo nelle lunghe ore di navigazione mentre fa i compiti di matematica. L'anno prossimo, dopo un esame, ha tutte le intenzioni di tornare nella sua classe.